Alchimie per Audiofili
Ciao a tutti!!
Se siete appassionati di audio dateci una mano a sviluppare ed a far crescere questo forum indipendente e senza sponsor.
Lo Staff di A.p.A.
Ultimi argomenti
» Pronti per i 2 finali su Multiplo???
Dom Nov 12, 2017 1:15 pm Da Aldo Wu

» interfaccia cd a trasformatori megahertz
Lun Nov 06, 2017 1:34 pm Da embty2002

» Prebby HV su PCB Multiplo
Gio Ott 26, 2017 6:45 am Da MaurArte

» Saldatore per uso saltuario
Dom Ott 22, 2017 12:57 pm Da Andrea196

» PrebbyHead HV su PCB Multiplo
Lun Ott 16, 2017 8:55 am Da AlexRoss

» Alla fine è stato il suo cuore...
Gio Ott 05, 2017 12:13 pm Da Ivan

» 60 LP di Progressive Italiano con la De Agostini in edicola e abbonamento
Mer Set 27, 2017 9:58 am Da Ivan

» Progressivamente free Festival 2017 (al Jailbreak Live Club di Roma 27/9 - 01/10)
Mer Set 27, 2017 9:54 am Da Ivan

» Esce in edicola: PROG ITALIA Magazine.
Mer Set 27, 2017 9:47 am Da Ivan

Chi è in linea
In totale ci sono 28 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 28 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 112 il Dom Ott 09, 2016 8:42 am
Sondaggio

Che tipologia di diffusore vorreste?

44% 44% [ 14 ]
56% 56% [ 18 ]

Totale dei voti : 32

Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Novembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930   

Calendario Calendario

interfaccia cd a trasformatori megahertz

Sab Nov 04, 2017 10:48 am Da embty2002

salve,
ho preso usata questa interfaccia cd della megahertz
http://www.megahertzaudio.it/interfaccia_cd_a_transformatore.htm
a quanto mi ha spiegato il venditore, ha al suo interno dei trasformatori
con rapporto 1:1 avvolti a mano e migliorano l'isolamento galvanico.
siccome ho un preamplificatore a operazionali che ha come condensatori
d'ingresso dei MKP, montando a monte questa interfaccia cd, …

Commenti: 6

Yaqin MS-12B modifiche stadio linea tweaking & mods

Lun Ago 27, 2012 5:31 pm Da MaurArte

Lo stadio linea ed alimentazione originale:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Stadio linea modificato con tensioni di riferimento

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Resistenze ad impasto di carbone tutte da 1/2W escluso quella di catodo da 33K che deve essere da 1W
Condensatore di uscita da 2,2uF in polipropilene metallizzato di buona qualità


Commenti: 526

pre phono tc-750 eliminare riaa

Lun Set 04, 2017 8:46 am Da wakaJawaka

Buongiorno ragazzi;
non fate caso alla bizzarra richiesta, ma per esperimenti di conversione vinilica, dovrei togliere lo stadio riaa al pre phono tc750 (la riaa la applicherò dopo via software)

l'idea è questa  http://www.pspatialaudio.com/flatpreamp.htm

Normalmente, dovrei togliere c4 e e c5 (magari ponticellare c5), per usare il pre come solo stadio di guadagno senza equalizzazione, ma se …

Commenti: 4

2 moduli in BTL con tpa3118 per fare un integratino stereo (?)

Lun Ago 14, 2017 4:47 pm Da Andrea196

Salve,
Da quello che si legge in giro sembra che il tpa3118 sia superiore come qualità del suono rispetto al 3116,
quindi la curiosità mi spinge a chiedervi [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]  :
qualcuno ha già giocato con questi economicissimi moduli?


Commenti: 7

Pomice Buffer ad operazionali (by Vincenzo e Aris69)

Mer Giu 13, 2012 10:15 pm Da Dan73

Ho rielaborato (per modo di dire) il progetto di Vincenzo e Aris69 prima di montare i componenti volevo sapere se nontate qualcosa di sbagliato nello schema.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Metto anche gli schemi originali per un utente del t-forum che me li ha chiesti (di la non li trovo più [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine] )

Alimentazione con massa virtuale (0-18 V)
[url=http://www.servimg.com/image_preview.php?i=195&u=14367165][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Commenti: 1

Kit 6SN7-SRPP su ebay

Gio Mar 09, 2017 8:29 am Da superluca71

Maurizio che ne pensi di questo?

Link

Commenti: 3

il mio OTL con 6c33c

Sab Dic 28, 2013 8:43 pm Da ideafolle

dopo 3 protipi, ed indecisioni varie di natura estetica, ed di alimentazioni a supporto o deciso di farlo cosi. si svilupera in verticale con le valvole montate in orizontale . lo schema e' quello di bebo marotta MK2 con laimentazioni modificate secondo la capocia mia ........speriamo bene bo!!!!!!!   [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]  un sentito ringraziamento a  SONTERO   [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]  (giovanni ) per la sua …

Commenti: 280

Prossimo finale: MyRef, MPC-MK2 o Abletec ALC0240-2300

Lun Apr 14, 2014 7:25 pm Da Jumping

Vorrei cimentarmi con una di queste realizzazioni, probabilmente dopo l'estare, in particolare
il Myref o l'MPC mi intrigano, qualcuno del forum li ha costruiti entrambi o uno dei due?

Commenti: 266

in quel di camaiore lido (luca)

Mar Nov 29, 2016 4:16 pm Da ideafolle

piccola rece in quel di (lido di camaiore)
un amico mi a chiesto........
Filippo Calcagno A zii, e tu l'ampli a reazione nucleare, quello con 8 missili, come l'hai portato?

Commenti: 1


I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  cesarev il Mer Ott 30, 2013 12:26 pm

In questi giorni sto tentando di acquisire un apparecchio Blu-ray, in conseguenza, sono stato costretto ad informarmi sulla tecnologia su cui si basa “l’alta risoluzione audio”. Non che mi interessi particolarmente (perché a me il Blu-Ray serve come lettore di CD/DVD), ma dovendo formulare domande sul bitrate/FLAC, era necessario conoscere un pochino di più l’argomento. La domanda che mi pongo è: se effettivamente l’orecchio umano percepisce suoni compresi tra i 20 Hz ed i 20KHz (ad essere generosi) cosa serve allora avere apparecchi che lavorano con frequenze  più alte??? ……… stesso discorso vale per l’occhio(vedi televisori)

di seguito l'articolo trovato in rete

I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?
I formati audio ad alta risoluzione sono, da tempo, argomento di discussione per gli appassionati. Archiviati (o almeno ridotti a minuscole nicchie) i tentativi di nuovi supporti fisici quali SACD e DVD Audio, che non sono mai riusciti a sostituire il buon vecchio Compact Disc, si stanno moltiplicando sul web i servizi di download di musica liquida in formati ad alta risoluzione, così come si diffonde l'hardware (che si tratti di singole unità DAC, di amplificatori dotati di ingressi digitali, o anche semplicemente di schede e interfacce audio) per la riproduzione degli stessi.
Ma, prendendo a termine di paragone la classica qualità CD (44.1 kHz e 16 bit), la differenza qualitativa promessa dai cosidetti formati HD (fino a 192 kHz e 24 bit) è realmente tale? E' percepita dall'ascoltatore medio? O, al contrario, si tratta soprattutto di marketing?
La questione è stata affrontata in un interessante articolo di Christopher Montgomery, apparso tempo fa su Xiph.org, articolo in cui si discute nei dettagli l'effettiva utilità dei formati audio ad alta risoluzione, tipicamente a 192 kHz e 24 bit: 24/192 Music Downloads ...and why they make no sense (Download musicale a 24/192 ...perché non ha senso).
Le conclusioni dell'autore sono decisamente critiche riguardo certo marketing musicale: a suo avviso, non solo i formati ad alta risoluzione sono sostanzialmente inutili sul piano qualitativo, ma talvolta possono essere addirittura peggiori di quelli a risoluzione standard.
Proviamo a riassumere brevemente alcuni dei concetti chiave affrontati nell'articolo (di cui, ad ogni modo, consiglio vivamente la lettura).
- La prima questione posta da Montgomery riguarda le capacita uditive dell'uomo. L'udito umano, nelle condizioni migliori (ovvero nel caso di una persona giovane e possibilmente allenata all'ascolto), percepisce suoni dai 20 Hz ai 20 kHz; pur tenendo conto del teorema di Nyquist/Shannon (secondo il quale il limite superiore di frequenza di una registrazione, è pari alla metà della frequenza di campionamento), ascoltare un file audio a 192 kHz sarebbe un po' come pensare di poter vedere i raggi X, o gli infrarossi...
- L'audio a 192 kHz non suona meglio; anzi, può suonare peggio.
Poiché qualsiasi DAC e qualsiasi amplificatore audio introducono una piccola quantità di distorsione, che tende ad aumentare significativamente alle frequenze molto basse e molto alte, secondo Montgomery, la presenza di frequenze elevate non udibili nel materiale riprodotto, può causare un leggero aumento della distorsione - che si può spostare - anche nella gamma sonora udibile, con un peggioramento generale della qualità audio.
L'autore precisa come esistano varie soluzioni tecniche per eliminare il problema, ma si tratta di approcci che comportano una spesa aggiuntiva superflua, quando è molto più semplice risolvere la questione alla base evitando la riproduzione di materiale contenente frequenze così elevate, comunque non udibili.
- Secondo l'autore, il campionamento audio oltre i 44 o anche i 48 kHz, e in particolare quello a frequenze elevatissime (come i 192 kHz), non comporta nella pratica miglioramenti qualitativi udibili in fase di riproduzione. La frequenza di campionamento influisce soprattutto sulla risposta alle alte frequenze del materiale audio; ma se è vero che, sul piano teorico, un campionamento a 44.01 kHz garantisce una gamma di frequenze adeguata in fase di riproduzione, ci sono alcune motivazioni tecniche che (per la presenza del filtro anti-aliasing) suggerirebbero comunque di campionare a frequenze più elevate in fase di digitalizzazione.
Per spiegare le argomentazioni di Montgomery, facciamo un passo indietro e torniamo al teorema di Nyquist/Shannon: come accennato sopra, il teorema afferma che un suono può essere ricostruito fedelmente dal campionamento digitale, se il campionamento stesso avviene ad una frequenza doppia di quella più alta contenuta nel suono originale. Ad esempio, poiché il CD adotta un campionamento di 44.1 kHz, la sua risposta in frequenza arriva fino a 22.05 kHz. La frequenza di Nyquist è la metà della frequenza di campionamento, in questo caso dunque 22.05 kHz.
Prima di essere digitalizzato però, il segnale analogico, passa attraverso un filtro passa basso (detto filtro anti-aliasing) per rimuovere le frequenze superiori a quella di Nyquist: se ciò non avvenisse, le frequenze ultrasoniche non udibili sarebbero convertite in toni udibili, "inquinando" così l'audio originale.
In base a questo, si comprende come campionare a frequenze elevate, abbia il vantaggio di lasciare più spazio fra i 20 kHz (limite udibile superiore) e la frequenza di Nyquist (che, ad esempio, nel caso di un campionamento a 96 kHz, sarà di 48 kHz): questo spazio può essere utilizzato per adottare un filtro anti-aliasing più morbido, con pendenza più lieve, e in generale più affidabile.
In realtà, i moderni convertitori analogico/digitale, superano il problema adottando di default il sovracampionamento (oversampling): in pratica, il segnale da digitalizzare è campionato in automatico a una frequenza più elevata, per poi passare attraverso un filtro anti-aliasing digitale, che può rimuovere con precisione le frequenze indesiderate (i filtri anti-aliasing digitali sono molto più semplici da implementare, precisi e affidabili degli omonimi filtri analogici); il segnale sovracampionato viene quindi ricampionato alla frequenza desiderata.
Ciò significa, suggerisce Montgomery, che con la tecnologia attuale che utilizza il sovracampionamento e i filtri anti-aliasing digitali, è possibile digitalizzare l'audio a 44 o 48 kHz senza nessuna problematica qualitativa.
- Secondo l'autore, anche l'uso (in fase di riproduzione) di una risoluzione di 24 bit, piuttosto che di 16, è superfluo.
Montgomery non sostiene affatto che registrare e mixare a 24 bit (usando poi procedure di dithering per passare a 16 bit) sia inutile; piuttosto, afferma che l'uso dei 24 bit è sprecato nel caso del file finale destinato alla riproduzione.
Per chiarire questo aspetto, cominciamo con il ricordare che, mentre la frequenza di campionamento influisce soprattutto sulla risposta in frequenza, la profondità in bit riguarda principalmente dinamica, rumore e distorsione.
Un file audio a 16 bit presenta, secondo un dato comunemente accettato, un range dinamico di 96 dB. Montgomery sostiene che questo valore sia falsato da un approccio errato al calcolo dello stesso (riferendosi al rumore di fondo sull'intera gamma di frequenze udibile, piuttosto che a quello relativo ad una frazione della stessa - ovvero quello da prendere in considerazione in base alle caratteristiche di funzionamento del nostro orecchio), e che la gamma dinamica potenziale di un file a 16 bit sia in realtà di ben 120 dB, un valore molto elevato, sostanzialmente pari o superiore alle capacità uditive umane.
Aumentare il range dinamico con una maggiore profondità in bit, in pratica, equivale a rendere "più silenzioso" il rumore di fondo: un'operazione che sarebbe inutile, dal momento che già il rumore di fondo ottenibile dai 16 bit, è sostanzialmente inudibile per l'uomo.
- Studi e test: l'autore fa riferimento ad un interessante studio pubblicato dalla Audio Engineering Society (famosa associazione internazionale composta da ricercatori e professionisti del settore audio), dove alcuni tecnici insieme ad alcuni appassionati, dovevano discriminare lo stesso materiale audio in formato SACD e DVD Audio (quindi ad alta risoluzione) da quello a qualità CD (44.1 kHz e 16 bit).
Ovviamente i test sono stati condotti utilizzando numerosi sistemi di riproduzione di elevatissima qualità, dozzine di soggetti particolarmente allenati all'ascolto, in ambienti acustici ideali, con centinaia di prove nel corso di un intero anno.
I risultati sono stati chiarissimi: nessuno si è dimostrato in grado di discriminare le diverse fonti musicali, se non scegliendo casualmente l'una o l'altra.
Un dato oggettivamente difficilmente contestabile, che indica chiaramente come anche persone allenate, non riescano a percepire differenze qualitative reali fra i formati audio ad alta risoluzione e quelli a qualità CD.
Sulla rivista Mix potete trovare un resoconto completo di questo studio: http://mixonline.com/recording/mixing/audio_emperors_new_sampling/
- Effetto placebo: come suggerisce Montgomery, la superiorità qualitativa percepita da molti appassionati nell'ascolto di materiale musicale audio in formati ad alta risoluzione, è fondamentalmente un effetto placebo o, se vogliamo essere più franchi, una suggestione.
Un test serio al riguardo, come ogni esperimento scientifico, dovrebbe essere condotto (come quello citato sopra) in un ambiente controllato e con strumentazione adeguata, con un gruppo di soggetti rappresentativo della popolazione a cui si fa riferimento, in doppio cieco (ove né lo sperimentatore, né i soggetti conoscono la natura del materiale oggetto di test): condizioni sostanzialmente irrealizzabili in ambito domestico, e raramente adottate anche in contesti professionali.
Nel caso dell'audio, è necessario inoltre fare molta attenzione a differenze anche molto piccole di livello (nell'ordine degli 0.2 dB), da correggersi con rilevazioni e apparecchiature specifiche (e non a mano, agendo sul volume): un audio che suona anche leggermente più forte è in genere percepito come "migliore" dalla maggioranza degli ascoltatori.
Ancora, è necessaria attenzione a potenziali problemi di clipping, nel caso non si adottino procedure di ricampionamento adeguate.
Queste ed altre problematiche si possono presentare ad esempio, confrontando le stesse musiche prodotte in formato SACD e CD: infatti, spesso, le fonti master originali sono diverse (o meglio, sono frutto di alcuni passaggi differenti nel percorso di produzione), fatto che rende la comparazione potenzialmente falsata.
Le conclusioni di Montgomery sono chiare: l'audio ad alta risoluzione è fondamentalmente un'esigenza di mercato e di marketing, ma non sussistono assolutamente dati scientifici a prova di una superiorità qualitativa percepibile.
Non mi resta altro da aggiungere se non che, personalmente, condivido sostanzialmente gran parte delle opinioni espresse da Montgomery.

*****************************

Riporto anche  un editoriale di Lucio Cadeddu a margine di un dibattito sull’alta risoluzione audio.:
«Non so voi, ma io sono stanco, stanco di essere preso in giro costantemente, di essere considerato il pollo da spennare (...). Le Case discografiche, se davvero volessero recuperare terreno e credibilità, dovrebbero in primo luogo pensare a produrre registrazioni di qualità, abbandonando una volta per tutte la compressione dinamica selvaggia. Contenitori in grado di gestire dinamiche elevate ce li abbiamo già, non ne servono di nuovi, grazie. Abbiamo già dato. Abbondantemente».

_________________
................... : cat : ..................... Cesare
avatar
cesarev

Messaggi : 380
Data d'iscrizione : 20.02.12
Età : 68
Lavoro/Interessi : Libero Pensatore - pensionato
Hobby : trekking, teatro (sono un guitto), HI-FI, bicicletta (d'estate) un po' di tutto

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Alessandro1 il Mer Ott 30, 2013 12:46 pm

interessante.
Io sono ancora fermo ai 44.1. Però, quando saranno reperibili i "dischi" che mi interessano liquefatti a risoluzioni migliori (non semplicemente up-samplati) e prezzi decenti, mi farò fregare qualche euro.
avatar
Alessandro1

Messaggi : 184
Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Mer Ott 30, 2013 1:14 pm

Montgomery Wink ha scritto:- Effetto placebo: come suggerisce Montgomery, la superiorità qualitativa percepita da molti appassionati nell'ascolto di materiale musicale audio in formati ad alta risoluzione, è fondamentalmente un effetto placebo o, se vogliamo essere più franchi, una suggestione.
Guarda per quanto mi riguarda... Questo avviene non solo con la musica ad alta risoluzione, ma anche con i dac, i cavi, i filtri digitali, i trasporti, i tube traps, la sostituzione di condensatori con altri audiofili, etc etc etc...

In definitiva, credo che siamo un po' tutti dei babbazzi, baluba, bambascioni, allocchi, dei quali ognuno crede di sentirci meglio dell'altro, dei quali ognuno è intimamente convinto di sentire impercettibili sfumature che altri non ravvedono... pig pig pig pig 

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Switters il Mer Ott 30, 2013 1:26 pm

Non so se possa tornare utile ma ricordo che mi è capitato di leggere uno studio che asserisce/dimostra che la presenza di frequenze non udibili (oltre ai 20 khz) influenza comunque la percezione del suono (in quanto armoniche di frequenze udibili).

_________________
Andrea

Switters

Messaggi : 757
Data d'iscrizione : 17.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  emmeci il Mer Ott 30, 2013 1:50 pm

Cool Si parte sempre da una base/principio: una registrazione fatta male o comunque "rovinata" in successiva fase di editing, remastering (e chi più "ing" ne ha più ce ne metta clown ) non suonerà mai bene sul vostro impianto, qualsiasi sarà il formato, supporto scelto per la riproduzione!
Detto questo passo brevemente alla questione "frequenze buone per i pipistrelli ed i cani da caccia". Si... (Andrea et altri) a quanto pare hanno molta importanza anche le frequenze che l'otorino in fase di esame audiometrico non riuscirà mai a farci sentire! Ti basta ad esempio leggere qualcosa a proposito della "funzione" dei cosiddetti super tweeter, ma a monte ci sono anche questioni "fisiche" che riguardano la "velocità" con la quale determinati fronti/transienti vengono riprodotti, in quelle "salite impervie" una bella "trasformata" ti potrà dire che sono presenti frequenze oltre... l'udibile.
 
Ma torniamo "a bomba", mi sembra quasi retorico affermare, dopo quanto detto in partenza, che è possibile fare un "buon lavoro" anche a 44.1 di SR e che, sempre se le cose sono fatte a "regola d'arte", meglio si potrà fare con SR superiori! Francamente anche a mio modestissimo giudizio i 24/192 mi sembrano un po' inutili, forse hanno senso solo in sala al momento di realizzare dei master digitali.
 
Insomma come al solito la risposta che mi do a questi quesiti è: dipende!
Al momento nei numerosi confronti incrociati fatti sui vari formati, raramente gli "hd" mi sono sembrati superiori, ma preferirei dire "migliori" dei loro compagnucci a 44.1. C'è da dire che quando le cose vanno per il giusto verso... l'ascolto si fa' piuttosto godereccio!
 
Ciao Mauro
 
PS, come ben sapete io ascolto prevalentemente vinile! rotfl
avatar
emmeci
Propositore Musicale

Messaggi : 1319
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Switters il Mer Ott 30, 2013 3:02 pm

emmeci ha scritto:Insomma come al solito la risposta che mi do a questi quesiti è: dipende!
Questa è la risposta che mi do molto spesso anch'io, anche per molti altri quesiti... Cool 

_________________
Andrea

Switters

Messaggi : 757
Data d'iscrizione : 17.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Mer Ott 30, 2013 5:01 pm

Switters ha scritto:Non so se possa tornare utile ma ricordo che mi è capitato di leggere uno studio che asserisce/dimostra che la presenza di frequenze non udibili (oltre ai 20 khz) influenza comunque la percezione del suono (in quanto armoniche di frequenze udibili).
Ehm... ho razionalmente qualche dubbio che una frequenza 'non udibile' sia importante perché in qualche maniera 'è udibile'.
Se è udibile, è importante, forse; se non è udibile, è ininfluente.
A meno che lo studio non dica che tramite le vibrisse delle sopracciglia siamo in grado di captare gli ultrasuoni e trasformali in sensazioni subconscie musicali rotfl rotfl  Dovremmo chiedercielo a Jung.

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Mer Ott 30, 2013 5:03 pm

Ps. detto senza polemica eh, si fa per chiacchierare Surprised 

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Switters il Mer Ott 30, 2013 5:25 pm

belozoglu ha scritto:Ps. detto senza polemica eh, si fa per chiacchierare Surprised 
Figurati, io riportavo solo il ricordo di aver letto qualcosa del genere Smile
Poi non ricordo se avevano fatto dei test in doppio cieco su cui basavano le conclusioni, però mi sembrava uno studio "serio", proverò a cercarlo...

_________________
Andrea

Switters

Messaggi : 757
Data d'iscrizione : 17.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  cesarev il Mer Ott 30, 2013 5:41 pm

Switters ha scritto:
belozoglu ha scritto:Ps. detto senza polemica eh, si fa per chiacchierare Surprised 
Figurati, io riportavo solo il ricordo di aver letto qualcosa del genere Smile
Poi non ricordo se avevano fatto dei test in doppio cieco su cui basavano le conclusioni, però mi sembrava uno studio "serio", proverò a cercarlo...
quoto...........
uno studio in doppio cieco credo che servirbbe molto per capirci qualche cosina di più.
Poi per dirla....(tanto per chiaccherare) è un po' come per "l'occhio":

L'occhio viaggia a circa 1/15s, per questo il cinema viaggia a 24Hz, quando vai al cinema infatti e' questa la velocita' di scansione (24fotogrammi secondo)

Un sistema televisivo analogico dotato di 625 linee di raster verticale con una scansione di 2 semiquadri cadauno lungo 1/50 sec. : l' occhio ha un tempo di otturazione che e' intorno a 1/15s, la scansione a 50 semiquadri risolve elegantemente il problema: poca spesa tanta resa.
Il perche' dei 50Hz e' semplice: in tutto il paese l' illuminazione LAMPEGGIA a quella frequenza. A 50Hz l' occhio non e' NORMALMENTE il grado di notare queste pulsazioni. Nessuno ha mai fatto caso che i lampioni stradali come la lampadina del nostro ufficio lampeggiano. Le telecamere sono molto + precise, per questo motivo e' necessario che la scansione sia sincronizzata. Chi fa delle riprese oltreoceano deve tenerne conto perche' in America la luce oscilla a 60Hz.
Poi arrivo' un genio. Racconto' a tutti che i televisori "ballavano" e riusci a far sganciare dei bei milioni a clienti "inconsapevoli"

Insomma diciamo che vedendo una televisione a 100Hz, l'immagine risulta più fluida, ma 50Hz "per l'occhio umano", bastano e avanzano. Tutto il resto è cosa nota

_________________
................... : cat : ..................... Cesare
avatar
cesarev

Messaggi : 380
Data d'iscrizione : 20.02.12
Età : 68
Lavoro/Interessi : Libero Pensatore - pensionato
Hobby : trekking, teatro (sono un guitto), HI-FI, bicicletta (d'estate) un po' di tutto

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Tfan il Gio Ott 31, 2013 9:18 pm

mi risulta.. ma potrei sempre sbagliare... che la frequenza di campionamento si riferisce al numero di campioni al secondo, e non allo spettro di frequenze campionate....
avatar
Tfan

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  emmeci il Gio Ott 31, 2013 10:25 pm

Tfan ha scritto:mi risulta.. ma potrei sempre sbagliare... che la frequenza di campionamento si riferisce al numero di campioni al secondo, e non allo spettro di frequenze campionate....
Yes... ma visto che il teorema d Shannon ci dice in soldoni che se una determinata frequenza non la puoi campionare almeno 2 volte con il SR scelto, non è riproducibile, ed in genere ci sono anche dei filtri molto ripidi in uscita prima del limite, hai di fatto che con 44,1 oltre 20 kHZ proprio non vai. Inoltre quando ti avvicini a questa frequenza limite, la densità del campionamento non garantisce un risultato di eccellenza.

Come ho già detto in precedenza... tutto dipende, ma qualche incisione HD che si sente decisamente meglio della relativa 44.1 l'ho ascoltata! Inoltre, sempre come accennato in precedenza, i fronti molto ripidi del segnale contengono frequenze oltre l'udibile, ed è più facile riprodurre fedelmente queste geometrie avendo a disposizione un SR alti.

Ovviamente, ma mi sembra quasi inutile dirlo, ci deve essere una qualità "minima" nell'impianto per poter apprezzare le eventuali differenze!

Ciao Mauro
avatar
emmeci
Propositore Musicale

Messaggi : 1319
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Tfan il Gio Ott 31, 2013 10:48 pm

tra 44 e 96 le differenze le sento eccome, oltre a volte, e in misura minore....
avatar
Tfan

Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 29.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  fritznet il Gio Ott 31, 2013 10:57 pm

Tfan ha scritto:mi risulta.. ma potrei sempre sbagliare... che la frequenza di campionamento si riferisce al numero di campioni al secondo, e non allo spettro di frequenze campionate....
scusate se riquoto, aspetto importante, oltre alla F massima riproducibile (Shannon etc), questo implica anche una approssimazione maggiore delle variazioni di ampiezza, o sbaglio?

lo so che il filtro poi si mangia gli scalini, in ogni caso se parliamo di variazione nel tempo di segnali discreti, una freq di campionamento ragionevolmente maggiore dovrebbe assicurare una risoluzione temporale (quindi macro e micro dinamica) migliore, o no?

Non so se era la stessa cosa che suggeriva Tfan...
avatar
fritznet

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 20.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Gio Ott 31, 2013 11:48 pm

La cosa migliore è che, oltre le specifiche tecniche, dissertiamo su finezze inintelleggibili.. di cui però in prove doppio cieco non sono mai effettuate, e quando lo sono miseramente falliscono... Very Happy Very Happy Very Happy  Si parla di file HD quando si hanno impianti che nel 99,99% non sono in nessun caso capaci di rivelarli per mille motivi diversi, a cominciare dai comuni e diffusissimi problemi di udito, primo fra tutti l'invecchiamento Twisted Evil Twisted Evil 

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  fritznet il Ven Nov 01, 2013 12:16 am

I tempi di attacco e decadimento dei transienti anche a bassa intensità sono comunque percepibili, la complessità spettrale dei segnali musicali non si può ridurre al solo parametro della frequenza, basta "arrivare" alla fondamentale, al massimo ti mancano gli armonici, se un parametro come la frequenza di campionamento influisse anche su questo (ripeto: se...) , è chiaro che un vantaggio ci sarebbe, e non è la massima frequenza riproducibile, che chiaramente sopra i 20KHz dovrebbe essere inudibile anche a soggetti giovani e dall'udito perfetto
avatar
fritznet

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 20.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Ven Nov 01, 2013 12:42 am

fritznet ha scritto:I tempi di attacco e decadimento dei transienti anche a bassa intensità sono comunque percepibili, la complessità spettrale dei segnali musicali non si può ridurre al solo parametro della frequenza, basta "arrivare" alla fondamentale, al massimo ti mancano gli armonici, se un parametro come la frequenza di campionamento influisse anche su questo (ripeto: se...) , è chiaro che un vantaggio ci sarebbe, e non è la massima frequenza riproducibile, che chiaramente sopra i 20KHz dovrebbe essere inudibile anche a soggetti giovani e dall'udito perfetto
quello che voglio dire è che, per prima cosa, tutti i cosidetti audiofilus vulgaris dovrebbero presentarsi con un certificato di visita audiometrica e relativi massimali Wink
in secondo luogo che prima di parlare di sfumature percepibili, io farei una valanga di confronti alla cieca... e solo se quelli danno risultati concreti e non di suggestione, allora inizierei a parlare di frequenze di campionamento, di profondità di campionamento e altre pizzicaglie Wink
la tara all'effetto placebo non la fa mai nessuno, eppure scientificamente è un valore reale e immancabile I love you 

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  fritznet il Ven Nov 01, 2013 2:13 am

belozoglu ha scritto:
....
la tara all'effetto placebo non la fa mai nessuno, eppure scientificamente è un valore reale e immancabile I love you 
sicuro che nessuno si preoccupi di autosuggestioni e/o psicoacustica? Very Happy 
avatar
fritznet

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 20.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Ven Nov 01, 2013 11:11 am

fritznet ha scritto:
belozoglu ha scritto:
....
la tara all'effetto placebo non la fa mai nessuno, eppure scientificamente è un valore reale e immancabile I love you 
sicuro che nessuno si preoccupi di autosuggestioni e/o psicoacustica? Very Happy 
preoccuparmene me ne preoccupo una cifrazza anche io, ogni volta che muovo le casse di mezzo millimetro o cmbio un connettore o spelo un filo Wink mi preoccupo e poi dico; bne ma si sente meglio o no? poi succede che un giorno sono molto ispirato e mi sembra di sentire da dio, 4 giorni dopo con lo stesso identico set-up non esiste la magia e anzi è tutto piatto... la mia tara personale non è affidabile, ma fluttua come la borsa Wink 

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Mr Phil il Ven Nov 01, 2013 11:42 am

belozoglu ha scritto:
preoccuparmene me ne preoccupo una cifrazza anche io, ogni volta che muovo le casse di mezzo millimetro o cmbio un connettore o spelo un filo Wink mi preoccupo e poi dico; bne ma si sente meglio o no? poi succede che un giorno sono molto ispirato e mi sembra di sentire da dio, 4 giorni dopo con lo stesso identico set-up non esiste la magia e anzi è tutto piatto... la mia tara personale non è affidabile, ma fluttua come la borsa Wink 
Ziu zi quoto alla grande. Succede molto spesso anche a me. Sopratutto quando stai per arrivare a casa e dici fra te, adesso che arrivo a casa metto su quel pezzo che mi fa sballare, arrivi lo metti e..........ma non era così l'altra volta!? rotfl rotfl rotolando rotolando 
avatar
Mr Phil

Messaggi : 59
Data d'iscrizione : 13.07.13
Età : 42
Lavoro/Interessi : Forse elettricista/Tutto il resto
Hobby : ascoltare musica, computer, calcio

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  emmeci il Ven Nov 01, 2013 1:31 pm

fritznet ha scritto:
belozoglu ha scritto:
....
la tara all'effetto placebo non la fa mai nessuno, eppure scientificamente è un valore reale e immancabile I love you 
sicuro che nessuno si preoccupi di autosuggestioni e/o psicoacustica? Very Happy 
Laughing Ah... ma allora è di questo che stavamo parlando, me lo potevate dire subito no? lol! 



Agli asini che volano ho smesso di credere negli anni '80, e se vogliamo dire che nell' hi-fi, come in molte altre passioni/attività di specchietti per le allodole, truffe e fuffe varie ve ne siano una valanga con me sfondate porte aperte, ma ribadisco: a patto che le cose vengano fatte "bene" avere la possibilità di superare il limite imposto dal formato CD (44.1) si può e si deve poter sentire.
E questo lo dico da "truffato" nei begli anni che furono quando ci imposero un nuovo formato per ascoltare musica che per molti versi era "inferiore" al precedente.
Bisogna comunque essere molto cauti e farci le nostre esperienze di ascolto perché altrimenti di "sirene" che cantano e di "Ulisse" che si sono dimenticati i tappi per le orecchie ne trovate a volontà! affraid 
Mauro
avatar
emmeci
Propositore Musicale

Messaggi : 1319
Data d'iscrizione : 11.03.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Sab Nov 02, 2013 10:33 pm

Mr Phil ha scritto:
belozoglu ha scritto:
preoccuparmene me ne preoccupo una cifrazza anche io, ogni volta che muovo le casse di mezzo millimetro o cmbio un connettore o spelo un filo Wink mi preoccupo e poi dico; bne ma si sente meglio o no? poi succede che un giorno sono molto ispirato e mi sembra di sentire da dio, 4 giorni dopo con lo stesso identico set-up non esiste la magia e anzi è tutto piatto... la mia tara personale non è affidabile, ma fluttua come la borsa Wink 
Ziu zi quoto alla grande. Succede molto spesso anche a me. Sopratutto quando stai per arrivare a casa e dici fra te, adesso che arrivo a casa metto su quel pezzo che mi fa sballare, arrivi lo metti e..........ma non era così l'altra volta!? rotfl rotfl rotolando rotolando 
Bravo, intendevo proprio quello stato d'animo Twisted Evil Twisted Evil Twisted Evil 
Secondo me dipende da:
a. umore
b. livello di stanchezza
c. lunghezza sedute di ascolto...
d. ansia da prestazione impianto rotfl rotfl rotfl 

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  belozoglu il Sab Nov 02, 2013 10:36 pm

emmeci ha scritto:
fritznet ha scritto:
belozoglu ha scritto:
....
la tara all'effetto placebo non la fa mai nessuno, eppure scientificamente è un valore reale e immancabile I love you 
sicuro che nessuno si preoccupi di autosuggestioni e/o psicoacustica? Very Happy 
Laughing Ah... ma allora è di questo che stavamo parlando, me lo potevate dire subito no? lol! 



Agli asini che volano ho smesso di credere negli anni '80, e se vogliamo dire che nell' hi-fi, come in molte altre passioni/attività di specchietti per le allodole, truffe e fuffe varie ve ne siano una valanga con me sfondate porte aperte, ma ribadisco: a patto che le cose vengano fatte "bene" avere la possibilità di superare il limite imposto dal formato CD (44.1) si può e si deve poter sentire.
E questo lo dico da "truffato" nei begli anni che furono quando ci imposero un nuovo formato per ascoltare musica che per molti versi era "inferiore" al precedente.
Bisogna comunque essere molto cauti e farci le nostre esperienze di ascolto perché altrimenti di "sirene" che cantano e di "Ulisse" che si sono dimenticati i tappi per le orecchie ne trovate a volontà! affraid 
Mauro
Dico la verità; anche io una piccola differenza per il 24/96 l'ho avvertita, piccola... Quantificarla non posso, e sarebbe anche un po' ridicolo... si tratta in ogni caso di sfumature. Oltre i 96 non ho udito alcuna impercettibile differenza... lì proprio neanche psico-acustica, i 192 (e non parlo di sopra) sono per il mio udito completamente inutili Cool 

_________________
E Noè diceva spesso a sua moglie, quando si sedeva a tavola: "Non m’importa dove va l’acqua, purché non vada nel vino".
avatar
belozoglu

Messaggi : 434
Data d'iscrizione : 20.02.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  fritznet il Sab Nov 02, 2013 11:48 pm

La cosa buffa è che anche nel viaggio degli stimoli sensoriali (anche acustici) nel sistema nervoso centrale, ad un certo punto c'è una conversione da un valore analogico ad un valore binario Shocked Very Happy 
avatar
fritznet

Messaggi : 425
Data d'iscrizione : 20.01.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Switters il Dom Nov 03, 2013 8:01 am

fritznet ha scritto:La cosa buffa è che anche nel viaggio degli stimoli sensoriali (anche acustici) nel sistema nervoso centrale, ad un certo punto c'è una conversione da un valore analogico ad un valore binario Shocked Very Happy 
Oh bella... questa non la sapevo Very Happy Dove?

_________________
Andrea

Switters

Messaggi : 757
Data d'iscrizione : 17.10.12

Tornare in alto Andare in basso

Re: I formati audio ad alta risoluzione sono inutili?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum